Allerta meteo arancio per Temporali 24 agosto 2015

ALLERTA METEO PER TEMPORALI – Il Centro Funzionle regionale ha emesso un allerta arancione per temporali forti dalle ore 00.00 alle ore 18.00 di lunedì 24 agosto 2015

Domani, lunedì, alta probabilità di forti temporali sul nord della regione con fenomeni a carattere sparso-diffuso. I fenomeni potranno risultare persistenti determinando accumuli abbondanti in poche ore, in particolare sulle aree nordoccidentali.
Sulle restanti zone la probabilità di forti temporali è più bassa, ma qualora si verifichino potranno risultare localmente persistenti, determinando accumuli abbondanti in poche ore.

PIOGGIA: Domani, lunedì, precipitazioni a prevalente carattere temporalesco, che per la loro diffusione, porteranno a cumulati medi significativi (30-40 mm) sulle zone di nord-ovest. Sulle altre aree cumulati medi poco significativi.

TEMPORALI: domani, lunedì, probabili temporali forti, localmente persistenti, con accumuli di pioggia abbondanti e violenti colpi di vento. I fenomeni saranno più probabili sulle zone settentrionali della regione, in particolare sul nord-ovest. Su queste aree si stimano cumulati massimi puntuali intorno ai 80-120 mm con intensità intorno a 60-70 mm/1h; tuttavia non si escludono locali fenomeni con cumulati superiori. Sul resto della regione cumulati massimi puntuali intorno ai 50-70 mm con intensità intorno a 40-50 mm/1h.

allerta24.8

DESCRIZIONE DEGLI SCENARI DI EVENTO PREVISTI


TEMPORALI

Criticità Giallo: Scenario caratterizzato da elevata incertezza previsionale in cui sono possibili fenomeni localmente intensi, occasionalmente pericolosi per l’incolumità delle persone in particolar modo durante lo svolgimento di attività particolari, con danni sui beni a carattere localizzato.
A causa della forti ed improvvise precipitazioni possibilità di innesco di frane superficiali/colate rapide di detriti o fango in bacini di dimensioni limitate e ruscellamenti superficiali anche con trasporto di materiale con conseguenti possibili danni localizzati alle infrastrutture, edifici e attività agricole, cantieri, insediamenti civili e industriali esposti; possibili improvvisi innalzamenti dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua minori, con inondazioni delle aree limitrofe, anche per effetto di criticità locali (tombature, restringimenti, occlusioni delle luci dei ponti, ecc); possibile scorrimento superficiale delle acque nelle strade con fenomeni di rigurgito dei sistemi di smaltimento delle acque piovane e con possibile tracimazione e coinvolgimento delle aree urbane depresse, dei locali interrati e di quelli posti a pian terreno lungo le vie potenzialmente interessate da deflussi idrici; possibili temporanee interruzioni della rete stradale e/o ferroviaria in prossimità di impluvi, canali, zone depresse (sottopassi, tunnel, avvallamenti stradali, etc.) e a valle di porzioni di versante interessate da fenomeni franosi; possibili limitati danni alle opere idrauliche e di difesa delle sponde, alle attività agricole, ai cantieri, agli insediamenti civili e industriali in alveo; possibili criticità connesse a localizzate cadute di massi.
A causa delle violente raffiche di vento o delle eventuali trombe d’aria possibilità di danni agli edifici e alle strutture provvisorie con trasporto di materiale, rottura di rami, caduta di alberi e abbattimento di pali, segnaletica e impalcature con conseguenti effetti sulla viabilità e sulle reti aeree di comunicazione e di distribuzione di servizi (in particolare telefonia, elettricità).
A causa delle grandinate danni alle colture agricole, alle coperture di edifici e agli automezzi.
A causa delle fulminazioni possibile innesco di incendi e lesioni da fulminazione.
Criticità Arancione: Sono previsti fenomeni molto intensi, pericolosi per l’incolumità delle persone, con danni sui beni a carattere diffuso.
A causa delle forti ed improvvise precipitazioni possibilità di fenomeni diffusi di instabilità di versante, localmente anche profonda, in contesti geologici particolarmente critici nonchéegrave; di frane superficiali e colate rapide di detriti o di fango; possibilità di significativi ruscellamenti superficiali, anche con trasporto di materiale, e di aperture di voragini per fenomeni di erosione; possibilità di improvvisi innalzamenti dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua minori, con fenomeni di inondazione delle aree limitrofe, anche per effetto di criticità locali (tombature, restringimenti, occlusioni delle luci dei ponti, etc.). Possibili allagamenti di locali interrati e di quelli posti a pian terreno lungo vie potenzialmente interessate da deflussi idrici e danni e allagamenti a singoli edifici o centri abitati, infrastrutture, edifici e attività agricole, cantieri, insediamenti civili e industriali esposti ai suddetti fenomeni; possibili interruzioni della rete stradale e/o ferroviaria in prossimità di impluvi e a valle di frane e colate di detrito in zone depresse in prossimità del reticolo idrografico; possibili danni alle opere di contenimento, regimazione e attraversamento dei corsi d’acqua; possibili danni a infrastrutture, edifici e attività agricole, cantieri, insediamenti civili e industriali situati in aree inondabili; possibili criticità connesse a cadute massi in piùugrave; punti del territorio.
A causa delle violente raffiche di vento o delle eventuali trombe d’aria possibilità di danni agli edifici e alle strutture provvisorie con trasporto di materiale, rottura di rami, caduta di alberi e abbattimento di pali, segnaletica e impalcature con conseguenti effetti sulla viabilità e sulle reti aeree di comunicazione e di distribuzione di servizi (in particolare telefonia, elettricità).
A causa delle grandinate danni alle colture agricole, alle coperture di edifici e agli automezzi.
A causa delle fulminazioni possibile innesco di incendi e lesioni da fulminazione.

Si raccomanda attenzione per tutte le attività all’aperto (non sostare presso alberi, pali e strutture precarie durante il temporale) e alla guida (attraversamento di sottopassi e ponti, evitare passaggio sui guadi), ove possibile sopratutto nelle zone soggette ad allagamenti ricorrenti liberare caditoie, scoline da foglie ecc. per migliorare il deflusso delle acque di pioggia e l’adozione di protezioni ai locali al piano terra o seminterrato.

Si rimanda alle principali norme di autoprotezione.

Per segnalazioni di criticità il Centro Situazioni dell’Unione Valdera è raggiungibile al 0587/734456.

Per richieste di soccorso chiamare senza indugio i numeri di soccorso 118, 115, 113.