Caldaia murale a condensazione Radiant R2K Combi-tech

Radiant COMBI-TECH R2K, è la gamma di caldaie istantanee murali a condensazione che montano il nuovo scambiatore a condensazione prodotto totalmente in Radiant. Il nuovo scambiatore COMBI-TECH (Patent pending) offre elevati rendimenti sia in riscaldamento che nella produzione di ACS, che grazie ad un’elevata superficie di scambio, garantisce un maggior rendimento termico, una minor perdita di carico e una maggior facilità di pulizia. Dopo ben 55 anni di esperienza sul mercato consentono a Radiant di progettare e produrre al proprio interno lo scambiatore con cui sono equipaggiate le caldaie a condensazione istantanee nella gamma COMBI-TECH. Lo scambiatore a condensazione prodotto […]

» Read more

Perchè non arriva l'acqua calda

L’acqua calda nelle moderne caldaie domestiche è prodotta nel momento in cui si apre un rubinetto, perciò per capire quali potrebbero essere le cause perchè non arriva l’acqua calda ai rubinetti o alla doccia bisogna analizzare il problema. Per esperienza il calcare nella caldaia può essere uno dei motivi per cui l’acqua calda dal rubinetto esce con scarsa pressione o addirittura fredda. Questa anomalia di funzionamento è dovuta al fatto che l’acqua non scorre bene nello scambiatore della caldaia quindi si ha un flusso ridotto di acqua calda. Per risolvere occorre un lavaggio chimico dello scambiatore. Il TECNICO valuterà se […]

» Read more

Caldaia, a chi rivolgersi per non incorrere in sanzioni?

Il responsabile dell’impianto deve affidare obbligatoriamente ad un manutentore abilitato la manutenzione e il controllo del proprio impianto di riscaldamento, inclusa la verifica del rendimento di combustione o prova fumi. I manutentori devono appartenere ad un’impresa iscritta alla CIAA o all’Albo degli Artigiani, sono operatori qualificati e specializzati al controllo degli impianti termici. In provincia di Pisa il tecnico al termine della manutenzione e della prova fumi ha l’obbligo di trasmettere in via telematica all’Agenzia Energetica Pisana (AEP) l’esito del rapporto di controllo di efficienza energetica, dichiarando l’avvenuta manutenzione. L’attività dei manutentori è soggetta a controllo e passibile di sanzione […]

» Read more

Manutenzione caldaia: paga il proprietario o l’inquilino?

La caldaia a gas è un apparecchio tecnologico che necessita di manutenzione e pulizia periodica per garantire un funzionamento efficiente e sicuro. Ma chi deve pagare la manutenzione della caldaia di un riscaldamento autonomo? L’inquilino o il proprietario? La normativa chiarisce la controversa questione! Il cittadino, in qualità di responsabile dell’impianto termico, avvalendosi di ditte aventi i requisiti previsti dalle norme in vigore sulla sicurezza degli impianti di riscaldamento e/o impianti per il gas, è tenuto a: condurre l’impianto secondo le prescrizioni delle normative vigenti; rispettare i periodi di accensione; mantenere la temperatura degli ambienti entro i 20° C con […]

» Read more

Caldaia condensazione: la manutenzione annuale è necessaria

Scegliere una caldaia a condensazione significa dotarsi di una tecnologia moderna che permette di risparmiare sui consumi di energia e di contribuire alla riduzione dell’inquinamento ambiente. Con il passare del tempo, tuttavia, gli elementi funzionali (scambiatori, ventilatore, bruciatore, apparato di evacuazione fumi, ecc.) sono soggetti ad un inevitabile deterioramento che ne provoca il decadimento prestazionale ed un aumento dei consumi. Per questo motivo, se possiedi una caldaia a condensazione, la manutenzione annuale condotta attraverso un’accurata pulizia e un’attenta verifica dei corretti parametri di funzionamento, evita così la sostituzione della componentistica danneggiata in conseguenza di una esercizio anomalo o deteriorata da […]

» Read more

Sonda esterna, cronotermostato ambiente e temperatura di mandata

Tutte le caldaie moderne sono predisposte per il collegamento di una sonda di temperatura esterna, anche se quest’ultima è disponibile come optional e raramente installata. La sonda di temperatura esterna si collega direttamente all’elettronica della caldaia e ha lo scopo di diminuire automaticamente la temperatura di mandata dell’acqua dell’impianto di riscaldamento, in proporzione all’aumento della temperatura esterna. In questo modo la caldaia produce un’adeguata quantità di calore, in funzione della curva climatica impostata sulla caldaia. La curva climatica o curva di riscaldamento è il rapporto tra la temperatura esterna e la temperatura di mandata. Conosciuti questi due valori la centralina […]

» Read more

Il falso mito del rendimento superiore al 100% delle caldaie a condensazione

Le caldaie in grado di utilizzare il calore del vapor acqueo disperso nei fumi sono definite caldaie a condensazione, in quanto per recuperare il calore del vapore disperso nei fumi ricorrono alla tecnica della condensazione. A tale scopo sono costruite con materiali resistenti alla condensa e devono essere servite con acqua di ritorno a basse temperature. La condensazione consente infatti non solo di recuperare parte del calore contenuto nel vapore, ma anche di abbassare la temperatura dei fumi e dell’involucro, riducendo così il calore disperso verso l’ambiente esterno e il locale caldaia. I rendimenti ottenibili con queste caldaie sono strettamente […]

» Read more

Caldaia a condensazione: si risparmia intorno al 15%

L’installazione di una nuova caldaia a condensazione in sostituzione della vecchia caldaia a gas tradizionale conviene perchè ottimizza i consumi e comporta un risparmio del gas intorno al 15%. Secondo il test effettuato da Altroconsumo, questo risparmio è stato calcolato in base al riscaldamento di un’unità abitativa di circa 90 mq, dotata di classici termosifoni (in ghisa, acciaio o alluminio) e con produzione di acqua calda sanitaria per 2/3 persone. Va detto, però, che la caldaia a condensazione necessita di uno scarico delle acque di condensa e che non è sempre fattibile. Si potrebbe raggiungere quasi il 30% solo se […]

» Read more

Caldaia, quale documentazione deve essere rilasciata dal manutentore ?

Il manutentore, dopo aver eseguito a regola d’arte le operazioni di controllo e eventuale manutenzione, redige e sottoscrive un rapporto di controllo tecnico di efficienza energetica, da rilasciare al responsabile dell’impianto (Qua trovi la definizione di resposabile dell’impianto termico) che ne sottoscrive copia per ricevuta e presa visione. Poichè gli impianti termici devono essere muniti di un Libretto di impianto per la climatizzazione (qua il nuovo libretto di impianto 2014), in occasione dei controlli periodici previsti dal D.P.R. n. 74/2013, deve essere aggiornato dal manutentore al termine delle medesime operazioni, riportando gli esiti sulle schede 11 e 12 del libretto […]

» Read more

Produzione di acqua calda gratis dal Sole

Il consumo di energia termica per il riscaldamento della casa e per la produzione di acqua calda sanitaria è una voce importante del bilancio economico familiare. L’uso corretto dell’energia solare può permettere un risparmio notevole della bolletta del gas e fornisce un importante contributo alla lotta contro l’inquinamento. Gli impianti solari che servono a produrre acqua calda gratis sono i più diffusi poichè l’uso dell’acqua calda è continuo in tutto l’anno contrariamente ai consumi energetici dell’impianto di riscaldamento che sono stagionali. Un impianto solare che garantisca da solo il riscaldamento dell’acqua calda sanitaria tutto l’anno richiederebbe teoricamente un numero enorme […]

» Read more
1 2 3 4 5 9