Emanuele Gori

8 aprile 2015

La Corte europea dei diritti umani ha condannato l’Italia per il pestaggio subìto da uno dei manifestanti (l’autore del ricorso) durante il G8 di Genova del 21 luglio 2001.
Solo un paese come in #Italia bisogna attendere oltre 10 anni per ammettere l’evidenza di quello che successe in quei drammatici giorni. #democrazia #giustizia

G8 Genova, Corte Strasburgo condanna l’Italia: “Alla Diaz fu tortura, ma colpevoli impuniti”

La censura al nostro paese per non aver promulgato una legge sul reato specifico, la cui assenza dall’ordinamento ha consentito ai responsabili del pestaggio di evitare qualsiasi sanzione. Il sindacato Siap: “Verdetto esagerato”