Archivi tag: bambina

12 minuti senza battito cardiaco dopo essere annegata: due settimane dopo è tornata a casa e senza danni permanenti

Alise Nipper, tre anni

Alise Nipper, (Cape Girardeau, Missouri) tre anni, per 12 minuti è rimasta senza battito del cuore dopo essere annegata in piscina.
Ma quando tutto sembrava perso, la forza di volontà di sua madre Jamie l’ha riportata in vita: le ha praticato un incessante massaggio cardiaco fino a quando non è arrivata l’ambulanza. L’ha salvata riportandola in vita.

La madre si è tuffata in acqua per recuperare la figlia che non dava segni di vita: è stata lei, infermiera specializzata in medicina d’urgenza, a praticarle per 12 minuti il massaggio cardiaco sotto gli occhi di amici e parenti che avevano perso le speranze.

Sorprendentemente, l’incidente, di cui Alise non ha memoria, non ha lasciato danni permanenti. «Per il suo cervello passare attraverso quel trauma senza aver subito danni gravi sembra incredibile – ha concluso il dottor Garret – Sono certo che la preghiera, la fortuna e l’intervento divino siano stati i fattori chiave in questa guarigione».

Fonte Il Mattino

Il gesto della piccola siriana a un poliziotto ungherese

image

La bambina gli offre un biscotto, forse senza nemmeno rendersi conto che l’uomo è lì per non farla passare.
Il poliziotto, spedito a ‘difendere il confine’, rifiuta, ma non riesce a trattenere un sorriso di tenerezza per quel gesto ingenuo e così potente.

Muore di cancro a 13 anni, lascia un messaggio dietro lo specchio

athena 13 anni

Le ultime parole di Athena, 13 anni, che si è spenta per un tumore alle ossa: “Non c’è bisogno di piangere, perché so che sarete sempre al mio fianco”.
Il testamento spirituale di Athena Orchard, scritto in 3000 parole con un pennarello dietro allo specchio della sua cameretta.

I suoi genitori, come scrive Huffington Post il 5 giugno, hanno trovato il messaggio mentre con immenso dolore facevano ordine tra gli oggetti della bambina. Una lettera d’addio piena di emozioni, scritta pochi mesi prima di morire. Non nelle pagine di un diario o su dei fogli di carta, bensì sul retro del suo specchio.
E che inizia così: «Ogni giorno è speciale, viveteli tutti al massimo. Domattina potrebbe capitarvi una malattia mortale come è successo a me, ma la vita è brutta solo se noi la consideriamo tale».
E ancora: «La felicità dipende da noi stessi, è una direzione, non una destinazione. E ricordate che la vita è fatta di alti e bassi, ma gli alti senza i bassi non avrebbero senso».
E poi l’amore. «L’amore è raro, è come il vento: si può sentire, ma non si può vedere. La vita è un gioco per tutti e l’amore è il premio».
Il suo personale rapporto con l’amore? «Sto aspettando di innamorarmi di qualcuno, qualcuno cui poter aprire il mio cuore», scrive.
Sottolinea che «nulla è per sempre», che «la gente cambia».
E conclude: «Non c’è bisogno di piangere, perché so che sarete sempre al mio fianco».