Emanuele Gori

16 marzo 2015

Una crocera in un anno è già un bel lusso.
Due fa un certo effetto se il protagonista è un operaio.
Così un mese dopo il secondo viaggio, pare verso l’ora di cena, personale dell’Agenzia delle Entrate si sarebbe presentato a casa dell’uomo ed avrebbe chiesto spiegazioni per verificare le proporzioni tra reddito annuo della famiglia e vacanze.

L’operaio va in crociera? Ecco il Fisco – La Nazione

Dopo la seconda vacanza l’Agenzia delle entrate chiede spiegazioni