Al giorno d’oggi, il bagno è diventato progressivamente uno dei luoghi più stimolanti al relax e al benessere. Il sedile copri water contribuisce a trasformare il wc da oggetto nascosto, malvisto, ad articolo esclusivo e comodo. I moderni sedili copri vaso, sono caratterizzati da spessori minimi, superficie d’appoggio ergonomica e da una facile pulizia ed una maggiore igiene. Ecco pochi e semplici consigli per la pulizia e la cura del sedile copri vaso: usare acqua e sapone neutro, asciugare con un panno soffice e non abrasivo per non graffiare la superficie del sedile; evitare l’uso di detergenti aggressivi, acidi, candeggina o polveri abrasive perchè potrebberoContinua a leggere…

Il bollitore è caratterizzato dalla presenza di almeno uno scambiatore di calore o serpentina, e grazie all’accumolo è impiegato per consentire un’elevata produzione di acqua calda e un maggior confort in sanitario perchè offre un’ottima stabilità di temperatura dell’acqua calda, difficilmente ottenibile con una caldaia istantanea. Come spiegato in altri articoli in questo diario, il calcare dipende dal grado di durezza dell’acqua e dalla temperatura dell’acqua calda e un bolier o un bollitore non ne sono esenti. I depositi di calcare possono pregiudicare la funzionalità di un bollitore o boiler di accumolo. Inoltre col tempo il calcare cresce di massa fino a ricoprire totalmente laContinua a leggere…

Nel linguaggio corrente l’autoclave è intesa come un sistema automatico utilizzato per elevare o regolare la pressione dell’impianto idraulico quando la pressione dell’acquedotto pubblico non garantisce la distribuzione a tutte le utenze. Un tipico impianto di autoclave o più correttamente impianto di pressurizzazione è costituito generalmente da una pompa esterna [rif. 6] o immersa [rif. 7] con portata e prevalenza adeguate, da un serbatoio in plastica alimentare contenente l’acqua in arrivo dalla rete idrica e da un press-control: quest’ultimo determina l’accensione e lo spegnimento del motore della pompa in modo tale da mantenere la pressione entro determinati valori. Quando si apre o si chiude unContinua a leggere…

Le cause di uno scarico ostruito possono essere numerose: l’intasamento del lavandino, del bidet, della doccia o della vasca da bagno sono nei casi più comuni provocati dall’accumulo di residui organici come capelli, unghie o il tappino del dentifricio o altri piccoli oggetti caduti all’interno del sifone di scarico. L’intasamento del lavello di cucina invece è generalmente causato da olii grassi e residui di cibo versati nello scarico o dal detergente della lavastoviglie. In tutti i casi il crearsi di questi depositi all’interno delle tubature rallenta il flusso d’acqua nello scarico finchè addirittura, quando diventa molto grande, ad ostruirlo completamente. Uno dei metodi più comuniContinua a leggere…

tubazione intasata dal calcare

Il lavaggio chimico della tubazione dell’acqua calda sanitaria si rende necessariao per ripristinare la portata dell’acqua calda dai rubinetti, dopo che il lavaggio chimico della caldaia non ha risolto il problema della scarsa pressione dell’acqua calda che esce dai rubinetti. Generalmente la pressione dell’acqua calda che esce dai rubinetti arriva quasi con la stessa pressione di quella fredda, pertanto se dopo il lavaggio chimico della caldaia l’acqua calda dal rubinetto esce ancora con poca pressione, forse è giunto il momento di valutare se procedere al lavaggio chimico della tubazione dell’acqua calda. Col passare del tempo tutte le tubature metalliche, soprattutto quelle di rame, ferro eContinua a leggere…

Un sistema economico per evitare la formazione di incrostazioni calcare nella produzione di acqua calda sanitaria è l’impiego del dosatore proporzionale di polifosfati. Il dosatore di polifosfati è un appareccho in grado di addizionare all’acqua in modo proporzionale un preciso quantitativo preparato di sali minerali in grado di impedire la formazione di incrostazioni calcaree nella produzione di acqua calda sanitaria. Il dosatore di polifosfati è un’apparecchiatura per il trattamento di acque potabili, in particolare l’impiego è previsto in caldaie murali, caldaie bitermiche, boiler e impianti sanitari ed idraulici d’acqua calda e fredda. Il dosatore di polifosfati generalmente viene installato sulla tubazione dell’acqua fredda in ingressoContinua a leggere…