Col cellulare alla guida non c’è sempre il ritiro della patente immediato

Secondo la Polizia Stradale la principale causa di incidenti stradali, associata al mancato rispetto delle precedenze, dei semafori e della velocità, è la guida mentre si sta utilizzando il cellulare.
Infatti secondo statistiche 2017 dell’ISTAT fra le distrazioni causa di incidenti stradali si evince che ben 4 incidenti su 10 siano causati dall’uso del cellulare.
Col nuovo Codice della Strada tanto sbandierato lo scorso mese di febbraio 2019 da telegiornali e siti web si annunciavano norme più stringenti: ritiro immediato della patente a chi verrà sorpreso a telefonare alla guida senza viva voce o auricolare. In realtà per il momento si tratta soltanto della richiesta fatta dalla Polizia Stradale.

Attualmente (marzo 2019) il ritiro della patente avviene solo in caso di recidiva, se commessa nei due anni successivi alla prima; misura che non intimorisce ormai più nessuno, basta infatti guardare i guidatori fermi ai semafori.

Pertanto oggi resta valida la normativa esistente che vieta l’uso durante la marcia di apparecchi radiotelefonici o di cuffie sonore, ma consente i vivavoce o gli auricolari.

La domanda sorge spontanea: se la distrazione è cosi influente negli incidenti stradali perchè di autorizzano monitor touch fissi sempre più grandi sui cruscotti dell’auto, che sicuramente a mio avviso distraggono moltissimo il guidatore, ma nessuno fà nulla per vietarli?

E tu cosa ne pensi? Lascia liberamente un commento sotto.

Fonte www.auto.it

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.