Categorie
Internet Social Network

Cosa sono i cookie e la vicenda Facebook non è gratis

Il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso Facebook su una sanzione Antitrust che giudica ingannevole presentarsi agli utenti come gratis mentre, in realtà, il social farebbe pagare in dati personali

Iscriviti alla newsletter e ricevi nella tua email le novità.

Quante volte navigando in Internet o scaricando un App ci è apparsa la richiesta di accettare i cookie per proseguire con la navigazione o l’installazione senza guardare le opzioni offerte ?

Ogni volta che abbiamo dato quel consenso, abbiamo consentito legalmente la diffusione dei nostri dati personali, consentendo di conoscere preferenze e gusti non solo al sito che abbiamo visitato, ma anche a società esterne, dette terze parti.

Vuoi la tua pubblicità qua? Info

Ogni volta che ci viene chiesto il consenso di accettare i cookie la “colpa” è del Regolamento per la Protezione dei Dati, il cosiddetto GDPR : il regolamento europeo per la protezione dei dati personali entrato in vigore a Maggio 2018.

La continua richiesta di accettazione dei cookie è dovuta proprio al GDPR, è vero che è fastidiosa, ma ci ricorda quanto sia importante la privacy e la consapevolezza dell’utilizzo dei nostri dati.

Cosa sono i cookie ?

I cookie servono per memorizzare informazioni specifiche sul computer dell’utente durante la navigazione e si definiscono:

  • cookie tecnici quelli indispensabili per far funzionare la navigazione, ad esempio per mettere nel carrello un oggetto che vogliamo acquistare;
  • cookie analitici usati dai gestori dei siti web per raccogliere informazioni sul numero degli utenti che visitano il sito;
  • cookie di profilazione usati per monitorare gli utenti durante la navigazione, le abitudini di consultazione o consumo, utilizzati allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati.

Cookie di profilazione e la vicenda Facebook non è gratis

A fine Marzo 2021, il Consiglio di Stato ha emesso una sentenza sfavorevole a Facebook che ricorreva contro una condanna per scorrettezza commerciale, visto che si presenta agli utenti come servizio gratuito mentre, in realtà, si fà pagare in dati personali venduti o scambiati all’insaputa degli utenti per un mero interesse economico. (Approfondimento Si può fare commercio di dati personali?)

Utenti inconsapevoli

I colossi del web utilizzano la profilazione cioè la creazione di profili in merito a gusti e abitudini attraverso i dati raccolti durante l’uso inconsapevole di internet per accumulare enormi ricchezze economiche.

Di Emanuele Gori

Una vita passata tra impianti di riscaldamento e condizionamento, appassionato di tecnologia

Fammi sapere cosa ne pensi. Lascia un commento