Categorie
Impianto Riscaldamento

A cosa serve il filtro defangatore magnetico montato sotto la caldaia

Il filtro defangatore magnetico è in grado di fermare e trattenere la maggior parte delle impurità che circola all’interno dell’impianto di riscaldamento

Iscriviti alla newsletter e ricevi nella tua email le novità.

Il filtro defangatore magnetico montato sotto la caldaia è un accessorio strettamente consigliato per la separazione e l’eliminazione di impurità presenti nel circuito di riscaldamento.

Il filtro all’interno del corpo defangatore è una rete in acciaio che rallenta e trattiene le impurità e ne favorisce il deposito sul fondo delle particelle di sporco non ferrose mentre il magnete è in grado di trattenere tutti i residui di tipo ferroso.

La tua pubblicità qua Info

In commercio esistono modelli che si adattano a diverse configurazioni di installazione rendendo abbastanza veloce il montaggio anche su caldaie già esistenti. Infatti il filtro defangatore magnetico è sopratutto consigliato negli impianti di riscaldamento con radiatori in ghisa o in ferro ed è montato sul circuito di ritorno, in ingresso alla caldaia, così da proteggerla da tutte le impurità presenti nell’impianto.

A sinistra filtro defangatore magnetico sotto caldaia

La manutenzione del filtro magnetico defangatore risulta semplice e consigliata in occasione dei controlli annuali di manutenzione della caldaia.

Per evitare la formazione di depositi e impurità oltre all’installazione di un filtro defangatore magnetico è necessario prevedere una pulizia dell’intero impianto di riscaldamento con appositi prodotti.

L’utilizzo di un filtro defangatore magnetico aumenta la vita della caldaia, aumenta l’efficienza globale dell’impianto di riscaldamento, evita l’intasamento dello scambiatore primario e di conseguenza evita inutili consumi di gas.

Iscriviti alla newsletter e ricevi nella tua email le novità.

Di Emanuele Gori

Una vita passata tra impianti di riscaldamento e condizionamento, appassionato di tecnologia

Fammi sapere cosa ne pensi. Lascia un commento