Quali sono i valori di Temperatura e Pressione della caldaia

indicatore valori temperatura e pressione della caldaia
La caldaia domestica normalmente gestisce due temperature: la temperatura per l’acqua calda sanitaria e la temperatura per l’acqua del riscaldamento. I valori di temperatura da impostare sulla caldaia sono perciò due.
I valori di temperatura dell’acqua calda sanitaria consigliati sono tra i 40 e 50 gradi.
Impostare una temperatura dell’acqua calda sanitaria inferiore a 40 gradi rischiamo di sentire freddo sotto la doccia, mentre un valore superiore a 50 gradi dobbiamo miscelare con acqua fredda producendo un inutile spreco di calore e aumentiamo i consumi di gas.
Per quanto riguarda i valori di temperatura consigliati dell’acqua calda del riscaldamento sono intorno tra i 60 e 70 gradi se disponiamo di caloriferi o radiatori, altrimenti per un impianto a pannelli radianti la temperatura consigliata è tra i 30 e i 45 gradi.
Impostare un valore di temperatura dell’acqua del riscaldamento basso rischiamo che la caldaia impiega più tempo a riscaldare l’ambiente, mentre un’eccessiva temperatura non apporta significativi benefici, anzi in entrambi i casi c’è un aumento dei consumi del gas.
I valori di pressione della caldaia consigliati sono tra 1 bar e 1,5 bar massimo. Se la pressione è molto bassa la caldaia non funziona, mentre con un valore elevato di pressione la caldaia perde acqua dalla valvola di sicurezza.
Si rende necessario l’intervento di un tecnico quando anche dopo aver ripristinato i valori di pressione la caldaia continua a perdere acqua o la pressione indicata sul manometro (assomiglia a un piccolo orologio) aumenta inspiegabilmente.
Domande? Perplessità? Per avere una risposta lasciala scritta nei commenti sotto. E’ libero e divertente.

7 commenti

  • ernesto bietti

    Ho una caldaia baxi luna 20i, con accumulo di acqua calda. E’ installata da circa 10 anni, mi ha sempre dato problemi. Mi spiego : non ha mai tenuto la pressione costante , di perdite non ce ne sono ed il manometro segna sempre una pressione intorno allo zero; quando vado a ripristinarla viene mantenuta per circa un giorno e poi torna tutto come prima. Se insisto a riempire per mantenere la pressione a circa 0,5 bar, quando parte ogni ora il bruciatore per mantenere l’acqua sanitaria in temperatura fa dei rumori incredibili quando e acceso il bruciatore e quando si spegne sembra di sentire l’acqua che bolle fortemente. Ora ho la possibilita’ di avere l’acqua sanitaria da altra fonte e la caldaia mi servirebbe solo per il riscaldamento dei termosifoni, ma questo non lo posso fare in quanto anche con il termostato sanitario a zero il bruciatore per mantenere ‘la temperatura sanitaria si accende ugualmente ogni ora con il rumore ed il rischi che ho descritto prima. mi potete consigliare cosa fare per ovviare a questo inconveniente?

    • Emanuele Gori

      Salve,
      il circuito della caldaia è un circuito chiuso, nel senso che una volta messo in pressione a circa 1 – 1,5 bar a radiatori freddi deve rimanere tale.
      Se cala continuamente c’è una perdita; ha verificato chea esempio i tappi dei radiatori non siano rugginosi? All’interno della caldaia ha controllato che non ci siano ossidazioni sopra jolly di sfiato automatico di solito montato sul circolatore o sui raccordi dello scambiatore primario? Dove riscontra ossidazione bianca o verde c’è una perdita.
      I forti rumori sono la conseguenza dei frequenti caricamenti dell’acqua che causa incrostazioni all’interno dello scambiatore principale.

  • lazzari serafino

    save l \ s ho una caldaia sime da circa 4 anni fino ora tutto bene ma questo anno ho sempre la pressione nel impianto mentre riscalda l’acqua mi raggiuge 2.3 quanto deve essere consiliato la pressione

    • Emanuele Gori

      La pressione si misura a impianto riscaldamento freddo e dev’essere tra 1 e 1,5.
      Se quando l’impianto di riscaldamento è in funzione e la pressione aumenta fino ad arrivare oltre 2,5 potrebbe essere un problema col vaso di espansione.

  • marino

    salve, ho una caldaia beretta exlusive green he 35kw, con scambiatore in alluminio, dopo 4 anni si è sfondato, è stato sostituito e dopo 2 dico 2 settimane si è sfondato, esce acqua dallo scarico condensa impianto va a 0 in 5 minuti. ph acqua 8, colore limpido, dal defangatore non è mai uscito un granellino di sporco, due anni fa ho pulito tutti i radiatori con idropulitrice. danno la colpa al fatto che ci sia aria dentro, ma stiamo parlando di 2 settimane, ho capito che ci dovrebbe essere dontro il liquido filmante a protezione… sono in attesa di un preventivo per riparare il tutto, se la cifra sarà alta penso che mi convenga cambiare caldaia.
    se mi potesse dare un consiglio riguardo al problema su detto e nell’eventualità di una sostituzione, una caldaia a condensazione 24 kw (penso basti anche di meno), scambiatore in acciaio, modulazione bruciatore e pompa 1/10, che non costi sopra i 1500 euro, che abbia centri di assistenza meritevoli, produzione acs istantanea o con microaccumulo(conviene?), x casa quasi tutta con cappotto 200 mq su 3 livelli, terreno, 1° piano e mansarda 3 bagni, possono bastare 12? o 13/14 lt minuto, devo tenere temperatura mandata a 40/42 gradi.
    dobbiamo tenerci lontani dagli scambiatori come la peste?
    io avevo dato un occhiata alla vaillant
    https://www.caldaiemurali.it/caldaia-vaillant-ecotec-plus-a-condensazione-vmw-256-5-5-completa-di-kit-scarico-fumi-new-erp-2041.html
    e una ariston
    https://www.caldaiemurali.it/caldaia-ariston-a-condensazione-alteas-one-net-24-kw-completa-di-kit-per-scarico-fumi-wi-fi-ready-new-erp.html
    cosa ne pensa?
    grazie mille se avrà la pazienza di rispondermi.

  • marino

    dobbiamo tenerci lontani dagli scambiatori in ALLUMINIO come la peste?

  • vlad

    salve, ho da poco cambiato la scheda alla caldaia perché era andata in blocco: la prima cosa che ho notato quando mi hanno regolato l’acqua sanitari a 1… è stata la temperatura alta – sui 55 gradi. stamane per curiosità ho impostato il termostato a 7 e la temperatura è identica: quindi in pratica, minimo o massimo la temp è la stessa. ora che è estate vorrei risparmiare.
    gentilmente, c’entra qualcosa il cambio della scheda in tt ciò quando fino a prima di cambiarla questo problema nn lo avevo? oppure i tecnici mi hanno regolato male qualche termostato interno, che io nn vedo? è una blasi del 2007. grazie

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.