Il codice civile contiene una normativa di carattere generale a cui si rinvia quando nel contratto non sia disposto diversamente. Per quanto riguarda le riparazioni straordinarie l’art. 1621 codice civile dispone che sia tenuto il proprietario a eseguirle a sue spese, rimanendo tutte le altre, ordinarie e di piccola manutenzione, a carico dell’affittuario secondo anche quanto stabilito all’art. 1576 c.c. Per il codice civile, articolo 1609, le piccole riparazioni che a norma dell’articolo 1576 devono essere eseguite dall’inquilino a sue spese , sono quelle dipendenti da deterioramenti prodotti dall’uso e non quelle dipendenti da vecchiaia o da caso fortuito. Pertanto non rientrano nell’ordinaria manutenzione maContinua a leggere…

anomalia pressostato aria

La caldaia in blocco è un problema che può essere evitato nella maggior parte delle volte con una regolare manutenzione del generatore. Spesso sono problemi facilmente risolvibili con un riavvio della caldaia. In altri casi, il blocco della caldaia può essere causato da guasti o problematiche che solo un tecnico può ripristinare. Il pressostato aria ha lo scopo di verificare che i fumi prodotti dalla combustione siano evacuati adeguatamente all’esterno dell’immobile. Il pressostato aria confronta i segnali che gli provengono dalle prese di pressione poste sul ventilatore che ha il compito di espellere i prodotti della combustione dalla camera stagna. Tecnicamente allo scopo di assicurarsiContinua a leggere…

Può capitare a volte che la pressione indicata dal manometro o dal display della caldaia diminuisca fintanto prossima allo zero la caldaia si blocca. Le probabili cause che fanno scendere la pressione dell’acqua possono essere fra le più disparate, alcune potrebbero essere: un raccordo di un termosifone che gocciola; una valvola di sfiato dell’aria posta sul termosifone chiusa male; un raccordo sul collettore dell’impianto di riscaldamento poco stretto; un raccordo della caldaia che perde; la valvola di sicurezza che perde… Alcune delle probabili cause elencate sopra dopo un attenta osservazione, si riesce ad individuare la perdita che favorisce l’abbassamento della pressione dell’impianto di riscaldamento, altreContinua a leggere…

Nelle caldaie domestiche l’acqua calda è prodotta istantaneamente nel momento in cui si apre un rubinetto o un miscelatore in posizione acqua calda percui se la caldaia non parte alla richiesta di acqua calda sanitaria le cause potrebbero essere le più disperate. Escludendo tra le cause la scarsa portata o ridotta pressione dell’acqua che esce dal rubinetto, probabilmente dovuta ad un intasamento dello scambiatore dal calcaree, le altre cause connesse alla mancata accensione della caldaia ad una richiesta di acqua calda potrebbero essere queste: malfunzionamento valvola pressostatica a tre vie: la maggior parte delle caldaie tradizionali montano questo tipo di valvola (per info: Cos’è laContinua a leggere…

In generale, le moderne caldaie sono dotate di un display o di alcuni led che indicano lo stato di funzionamento nella quale si trova la caldaia: nel caso di malfunzionamento, una sigla sul display o una sequenza lampeggiante di led indica il probabile problema, generalmente indicato nel libretto di istruzione della caldaia. Percui è importante custodire le istruzioni per l’uso della caldaia in un luogo facilmente accessibile, perché sia sempre a portata di mano per ogni evenienza. Come comportarsi in caso di malfunzionamento della caldaia? Se si riscontrano problemi durante il funzionamento della caldaia è possibile effettuare un veloce controllo perchè alcune anomalie di bloccoContinua a leggere…